Restyling dell’impianto elevatore nella nuova boutique Tory Burch di Milano

Da tempo gli amanti del brand attendevano l’arrivo in Italia di un negozio monomarca di Tory Burch: ha inaugurato venerdì 5 dicembre 2015 la prima boutique della stilista newyorkese che ha scelto come terza sede europea il quadrilatero della moda. La boutique è stata aperta a Milano, un nuovo piccolo regno delle meraviglie in cui ritrovare, stanza per stanza, il grande stile della designer americana.

 

All’interno della boutique Tory Burch di via della Spiga Everest si è occupata di curare il restyling dell’ascensore progettando l’ammodernamento dell’impianto già esistente. Il restyling dell’ascensore è stato effettuato dai tecnici specializzati di Everest che hanno collaborato con gli architetti e i designer di Tory Burch per realizzare un impianto all’altezza delle aspettative del cliente.

 

02-ABOUTus-THECOMPANY_01L’eleganza e i dettagli eclettici sono stati ripresi all’interno della nuova boutique sia negli allestimenti che nelle soluzioni tecnologiche previste in tutti i 450 mq di spazio espositivo diviso del negozio che è disposto su due piani. Carta da parati originale, antichi vasi bianchi, atmosfera confortevole: i particolari di design dovevano integrarsi perfettamente sia con le collezione di abiti, accessori, arredi, bijoux e profumi del brand newyorkese che con i nuovi impianti.

 

Everest ha perciò realizzato un restyling dell’ascensore di tipo oleodinamico che fosse idoneo ad interpretare l’estetica elegante del nuovo negozio di Tory Burch, situato a pochi passi dalla sede europea della società.

 

La boutique monomarca consolida e amplia la presenza in Italia del brand che da sempre mirava a una espansione strategica in Europa e che con questo negozio aggiunge una sede ai tremila punti vendita nel mondo, di cui 140 boutique monomarca. Un  negozio intimo dal punto di vista dell’estetica (borse al piano terra, tra ori e cristalli, e scarpe e collezioni donna al primo piano, tra salotti e camerini) e perfettamente integrato dal punto di vista della struttura italiana: lo splendido spazio al piano superiore, infatti, si affaccia su un tipico cortile interno milanese.